Penny Wirton a Monterotondo (Roma)

SCUOLA PENNY WIRTON DI MONTERONDO
Racconto di un anno di lavoro (2016 — 2017)

 

La nascita

La scuola è stata inaugurata il 15 maggio 2016, nella Casa della Pace gestita dalla Fondazione “Angelo Frammartino”. La Fondazione opera da dieci anni sul territorio di Monterondo con iniziative sui temi della pace e della solidarietà rivolte in particolare ai giovani e alle scuole raccogliendo e promuovendo il sacrificio di Angelo e i suoi ideali.

L’incontro fra la Fondazione e alcuni docenti che avevano nel frattempo vissuto l’esperienza della scuola Penny Wirton di Roma e avevano promosso incontri a Monterondo con il suo fondatore, Eraldo Affinati, ha naturalmente determinato l’idea di aprire una scuola Penny Wirton anche a Monterondo in un contenitore simbolico come la Casa della Pace. Una scelta coerente non solo con le finalità della Fondazione, ma anche con i bisogni di un territorio nel quale opera uno Sprar che ospita una trentina di donne africane con bambini piccoli e in cui vivono molti stranieri che già sono inseriti in attività lavorative di vario tipo o sono in cerca di lavoro e trovano sistemazione in casa di amici o parenti. A pochi chilometri inoltre esiste il centro di accoglienza di Castelnuovo di porto i cui ospiti raggiungono Monterotondo in bicicletta.

 

Le tappe di lavoro

Il primo anno l’esperienza si è svolta nell’arco di due mesi .metà maggio – metà luglio con quattro ore di lezione suddivise in due giorni: il lunedì dalle 17 alle 19, il giovedì dalle 15 alle 17. E’ statta fatta una comunicazione attraverso volantinaggio, passa parola, il sito del Comune, una apposita pagina Facebook.

Per i volontari l’informazione è avvenuta anche tramite le scuole e l’ufficio per il volontariato del Comune di Monterondo. Pertanto la tipologia dei volontari è risultata varia: docenti, studenti, comuni cittadini.

Un proficuo contatto con gli operatori dello Spraar, della Casa delle case e delle altre associazioni operanti sul territorio ha reso possibile l’inserimento nella scuola di un importante numero di destinatari di diversa provenienza.

E’ stato un tempo di lavoro limitato, ma utile ad avviare il rodaggio di un’esperienza assolutamente nuova rispetto alla scuola L2 già esistente o altre iniziative di doposcuola.

Il secondo anno le lezioni sono iniziate il 3 ottobre e termineranno il 26 giugno. Hanno seguito il calendario scolastico prolungandolo di venti giorni per rispondere alle richieste degli studenti..

 

Gli studenti

In dodici mesi, circa, 77 studenti hanno beneficiato della attività scolastica con una frequenza che, nella fascia più alta, è stata di 37 giorni, con una media di 22 giorni.

Provenienti da 24 paesi per lo più extra europei, con le punte più alte di nigeriane, bengalesi e sudamericani, gli studenti hanno fatto registrare una frequenza diversa legata alla loro condizione. Infatti i più assidui sono stati i ragazzi stranieri (cinesi, rumeni, bengalesi, africani) già inseriti nelle scuole pubbliche che hanno avuto l’opportunità di rinforzare le loro competenze linguistiche e le donne africane dello Spraar desiderose di uscire da una condizione di isolamento.

Una tipologia peculiare della scuola di Monterotondo è quella di lavoratori/-trici desiderosi di migliorare le capacità di comunicazione per poter meglio svolgere il loro lavoro il quale tuttavia ne ha condizionato la frequenza. Infatti il giorno che ha visto sempre un alto numero di presenze è stato il lunedi con l’orario tardo pomeridiano (17 – 19).

La maggior parte degli studenti adulti ha frequentato portando con sé i propri figli, alcuni anche molto piccoli. Molto importante è stato, per questo, l’apporto dato dagli studenti che hanno svolto l’attività di alternanza scuola – lavoro adattandosi anche al ruolo di baby sitter.

Un’altra tipologia di studenti è stata quella di universitari spagnoli impegnati presso la cooperativa “Il pungiglione “ in un’attività di lavoro con i portatori di handicap prevista dal progetto Erasmus.

 

Gli insegnanti

Sono passati nella scuola 35 –36 volontari. Alcuni hanno prestato la loro opera con continuità, altri hanno avuto una presenza più saltuaria, soprattutto gli insegnanti della scuola pubblica, oberati da pressanti impegni di lavoro.

Comunque è stata sempre garantita una efficace attività didattica anche grazie all’apporto degli studenti del liceo scientifico “Peano” di Monterotondo, la maggior parte impegnati nell’alternanza scuola – lavoro, alcuni volontari “gratuiti” e per di più frequentanti l’ultimo anno.

E’ stata stipulata una convenzione, prima con il Liceo scientifico ” Peano”, ora anche con il Liceo classico “Catullo” .

Da aprile in poi la scuola ha accolto, per un tirocinio formativo, una studentessa universitaria della “Sapienza”, previa registrazione nella piattaforma Soul.

 

Valutazione dell’ esperienza di quest’anno

Punti di forza

  1. Stretto rapporto della scuola con la realtà socioculturale del territorio, attraverso costanti contatti con le associazioni pubbliche e private (Fondazione“Angelo Frammartino”, scuole, Sprar). La Scuola, infatti, si è inserita nel vissuto esistenziale del Comune ed è percepita come un esempio virtuoso di solidarietà ed integrazione;
  2. Valore fortemente simbolico della sede: La casa della Pace, impegnata in  numerose attività umanitarie;
  3. Proficua collaborazione tra generazioni per la presenza nel corpo docente di “adulti” e “giovani” alle prese con una comune “sfida” educativa;
  4. Didattica a misura di studente attraverso percorsi individualizzati ed una continuità di lavoro collegiale.

 

Criticità da superare

1. Numero esiguo di incontri tra gli operatori e quindi necessità di intensificarre

occasioni di un confronto critico  per migliorare e sviluppare gli interventi;

  1. Impossibilità, per l’urgenza di rispondere alla domanda immediata, di una

sistematica attività di “formazione” dei nuovi insegnanti

necessaria soprattutto per evidenziare la peculiarità di un tipo di scuola che, per

sua natura, non può contare su una continuità didattica tradizionale. Essa viene

sostituita però dalla continuità di un lavoro collettivo strutturato e da strumenti

didattici comuni.

 

***

LE LEZIONI SONO RIPARTITE LUNEDÌ 3 OTTOBRE 2016

Orario delle lezioni : lunedì 17 — 19, giovedi 15–17.

Per informazioni: <casadellapace@angeloframmartino.org>

In OTTOBRE a Monterotondo cresce l’entusiasmo: aumentano gli allievi di italiano, aumentano i volontari, si creano situazioni particolari, con le giovani mamme del vicino SPRAR che portano anche i loro bambini. Vedere per credere!

E se ci fossero volontari responsabili in loco, anche Mentana potrebbe aprire una sua scuola: fatevi avanti!

Puoi trovare altre notizie su Facebook

Le mamme Monterotondo

Le mamme a Monterotondo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piccoli piccoli!

Piccoli piccoli!

 

 

 

 

 

 

 

 

Tanti, insieme

Tanti, insieme

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

penny-wirton-monterotondo

Penny Wirton Monterotondo 2 Penny Wirton Monterotondo